Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione

19-Finanziamento Campanile Monumentale

Sottotitolo :  "no sol che vovi", tradotta in italiano non solo uova.

La frase  di uso corrente fino alla fine del secolo scorso,  sintetizzava che il campanile era 190-finanziamento campanile-005 copiastato fatto raccogliendo  le uova offerte dai parrocchiani. 

Il progetto approvato nel 1905, era corredato del preventivo di spesa, sempre redatto dall' Arch.Domenico Rupolo. Nelle adunanze dei capifamiglia (stimati in 300), si discussero i modo di raccolta fondi, per  pagare le spese per l'erigendo Campanile Monumentale. Dai dati dei Libri Mastri, tenuti con buona regolarità, si evidenziano scelte molto ampie e differenziate delle fonti di finanziamento.  Oltre alla raccolta(qui inizio)   delle uova (qui un resoconto)poi convertite in soldi presso i negozi di generi alimentari, un altro tipo di contribuzione in natura fù l'offerta della "Galetta" ovvero i bozzoli da seta. L'attività di allevare il baco da seta, allora molto in uso e quando i bozzoli venivano versati agli essiccatoi veniva compilata una bolletta a nome della Parrocchia che provvedeva poi all'incasso del contante.

Sempre in natura venne offerta la cava per estrarre la ghiaia e la sabbiaAnche i trasporti erano quasi sempre gratuiti. Nella offerta di servizi è d'obbligo ricordare tutte le persone che hanno prestato gratuitamente giornate di lavoro , la Parrocchia offriva pane e vino come pasto. Le offerte in denaro,qui un esempio di quanto offerto dalla Confraternita del SS sacramento  costituirono probabilmente la maggior entrata per la Parrocchia. Oltre alle offerte libere raccolte durante la questua delle uova,  od in occasione di feste od altro vi fu anche un  ,da parte della grandissima maggioranza  dei capifamiglia,  un impegno decennale a versare una cifra annuale liberamente definita , impegno a cui partecipavano anche i sacerdoti. Con la serieta' e determinazione con cui si operò per la costruzione, si operò anche  per controllo del rispetto del piano decennale sottoscritto ,  il modulo per rammentare il mancato rispetto degli impegni, prestampato all'epoca , esemplifica tale azione Per finanziare l'erezione del campanile fu organizzata nel 1913 anche una pesca di beneficenza. Anche l'Amministrazione Comunale si impegnò a versare 1.000 lire per 10 anni.

Al tempo della costruzione, un metodo poco costoso per ricordare un'avvenimento era fare o comporre una foto, quindi stamparla come una cartolina. Un'esempio, lo vediamo in quì  , con il progetto originale, modificato e con l'aggiunta dell' altezza.. mai raggiunta! , qui vediamo il disegno originale.

 

 << precedente

 

>> successivo