Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione

Chiesetta Santa Lucia - Loc. Colle

SS. Filippo e Giacomo Apostoli in Cuoi (Colle) . In antico era una Fratina con piccolo convento per i pellegrini, messo su un'altura; anche questo dista dal centro un miglio e mezzo. Si va a funzionare il giorno 11 Maggio, festa dei Santi Filippo e Giacomo; il 13 Dicembre, festa di S. Lucia; il 14 Febbraio, festa di S. Valentino. Sulle pareti sono raffigurati a fresco questi due Santi; sono due pitture del tempo del Rinascimento.

 

Bol.1971 07 11 Numero speciale 

 


Serie di foto periodo 1950 - 2000

chi.1971.07.11022rsz

...



chi.sl.1956.00.00008rsz

...


chi.sl.1999.001rsz

...


chi.sl.1999.002rsz

Il giorno 12 , sabato , dicembre 2009

l giorno 12, sabato di dicembre 2009 durante la Messa in memoria della Santa, titolare della chiesetta, si è fatta la seguente registrazione delle campane che richiamano i fedeli alla Messa. La liturgia era animata nel canto dalla Cantoria San Pietro.

20110313 GV


UNA PUBBLICAZIONE SULLA CHIESETTA SANTA LUCIA IN COLLE

Già la denominazione "Santa Lucia in Colle" racchiude un fascino speciale con il suo richiamo alla collinetta sulla quale il piccolo tempio e stato edificato in tempi remoti. E sona proprio i suoi abitanti, ad aver avuto alcuni anni fa la decisa determinazione di ridare un aspetto dignitoso, con importanti e prolungati restauri, alla piccola chiesa.E una vicenda di cui racconta Ie fasi salienti una piccola pubblicazione uscita di recente, per iniziativa di Sergio Boz e Valter Reginalo. Un gradevole opuscoletto che raccanta anche con immagini fotografiche i momenti salienti e i risultati di un consolidamento e rifacimento delle parti in muratura e del tetto e del restauro più strettamente legato alle opere pittoriche, ricoperte dalla calce ai tempi della peste, e ad alcuni aspetti architettonici, riportati alle linee primitive. Autore del capitola che riguarda gli aspetti artistici, in parlicolare gli affreschi riporlali alia luce, e I'appassionalo di arte e di ricerche storiche dott. Bruno Sappa. L’opuscolo riporta, i nomi di tante persone e ditte che hanna offerlo collaborazione, sostegno in denaro e in interventi operativi per ridare un volta decoroso alla chiesetta. Un richiamo al comitato Pro ristrutturazione chiesetta Santa Lucia “ , peraltro di importanza determinante nell'ideazione e nell'attuazione del progetto e nel reperimento di fondi per attuarlo, deve assumere una collocazione di tutto rilieva, come deve essere citato il contributo significativo della BCC Pordenonese, ai tempi Cassa Rurale. Un pensiero grato alla memoria vada a Claudette Langevin Boz, fra i primi promotori e soslenitori dell'iniziativa. Serramenti, impianto di illuminazione, pavimentazione intema ed esterna, sempre nel rispetto delle indicazioni della Sovrintendenza di Trieste, hanna rappresentato alcuni momenti di un percorso durante il quale si affacciavano sempre nuove esigenze di recupero o rifacimento. Durante gli scavi per la nuova pavimentazione, e venuta alla luce nella zona dell'abside retrostante I'altare una pavimentazione in pietra e mattoni che gli esperti fanno risalire all'anno 1300. Data l'ottima conservazione, il prezioso lacerto e stato totalmente recuperato. Anche I'altare ligneo e la torretta campanaria hanna richiesto adeguati restauri, come pure I'esterno dei muri perimetrali, per i quali e stato necessario un lavoro certosino di reperimento e inserimento dei mattoni mancanti. Onore al merito per il recupero degti affreschi agli esperti Giancarlo e Giovanni Magri, che hanna pure scoperto sulla facciala del piccolo tempio un “ parziale San Cristofaro, raro esemplare pittorico di epoca romanica. Alcuni studiosi ritengono che la chiesetta fosse la cappella gentilizia del castello patriarcale distrutto nel XIII secolo e raso al suolo da Venezia nel XV . Certamente fù gestita da un ordine monastico che provvedeva anche con I'ospilalita in un edilicio adiacente, alle necessià dei pellegrini e dei viandanti in transito. I lavori,iniziati nel 1981 , sona terminali nel 2000Un lungo percorso attuato per tappe con una passione di cui possiamo oggi ammirare, con  soddislazione e gratitudine, i risultati.

Flavia Sacilotto



Questa e' la copertina della pubblicazione , tirata in pochi esemplari  .

di cui uno a mani di Don Dino P .

 per vedere la pubblicazione  

 

spe.2008.00.00-ocr-copertina