Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione

2008 settembre 21 , Don Gianfranco Furlan è arrivato tra noi in

una mite giornata settembrina, in coincidenza con I'ingresso nella stagione autunnale. Ma per la nostra comunita cristiana il dono del suo ministero sacerdotale e della sua giovinezza ha segnato I'inizio di un tempo primaverile ricco di speranza e di attese: sentimenti espressi dal profondo nella gioia del primo incontro, lo scorso 21 settembre.

bol.2008.12.00A_don_gf_fotorszDon Gianfranco: un sacerdote tra noi e per noi, per tutta la parrocchia, in particolare per il mondo giovanile che attendeva la benedizione di una nuova figura sacerdotale da quando la scomparsa di don Raffaello aveva lasciato la sofferenza di un posto avvolto dal silenzio; un collaboratore desiderato e accolto con tanta gratitudine da don Dino che nel volgere di un lungo anno aveva guidato da solo la nostra comunità di novemila anime.

Un dono di Dio, quale forse non speravamo, che nella chiesa gremita, in cui erano convenuti una moltitudine di fedeli e i rappresentanti dei gruppi e delle associazioni operanti in parrocchia, abbiamo salutato con un grande abbraccio accogliente. Durante la solenne celebrazione eucaristica del primo incontro ufficiale, tanti sguardi hanno indirizzato a don Gianfranco un benvenuto affettuoso, certi di essere i destinatari di un atteggiamento di disponibilità e di servizio, da lui peraltro espresso intensamente. Lo accoglieva con gratitudine una comunità che dopo la scomparsa contemporanea di don Raffaello e di don Heider e, anni prima, dell'indimenticato mons. Cadore, era maturata nella consapevolezza della preziosità del sacerdozio. bol.2008.12.00A_don_gf_foto1rsz

I pensieri reciprocamente offerti per la circostanza non racchiudevano usuali formule di rito ma un sincero desiderio di collaborazione e di intesa, una sintonia di intenti risuonata con note vibranti nel tempio santo del Signore. Don Gianfranco, ti abbiamo accolto con una festa corale di famiglia che abbiamo vissuto con te celebrando insieme l'Eucaristia. Abbiamo sentito che la tua forza e la tua generosità partivano da 11, da quel Mistero che il tuo sacerdozio ora continua a rinnovare per tutti noi che siamo la tua comunità. Ti siamo grati per la disponibilità e per la totalità di dedizione che stai esprimendo tra i giovani, nell'ambito della catechesi e nella comunità intera. Ti ha mandato tra noi il nostro Vescovo, nel nome del Signore. Sia Lui la Luce dei tuoi e dei nostri passi mentre camminiamo insieme per incontrarlo e per lasciarci raggiungere dalla sua salvezza.


Tratto dal bollettino dicembre 2008, Flavia Saciotto


2011 settembre 11, Don Gianfranco Furlan  ci lascia,


Domenica 11 settembre, il nostro cappellano don Gianfranco Furlan, dopo ogni celebrazione liturgica, ha salutato la comunità parrocchiale di Azzano X, essendo destinato a un nuovo incarico pastorale.  Le sue espressioni, concise e franche, a tratti dolorose, coerenti con il suo stile, hanno fatto esplodere un applauso prolungato.
Ci resta in mente particolarmente una immagine a cui egli è ricorso richiamandosi al suo servizio tra noi.   Avendo operato nel campo di Dio, si è domandato: quale lavoratore di questa porzione della vigna del Signore sono stato io?   Ha sintetizzato la risposta proponendo la figura  dell'agricoltore che ara il terreno con fatica, sudore e sofferenza.   Il terreno così preparato è pronto a ricevere il seme per un nuovo ciclo di vita.   Espressioni che racchiudono anche un forte augurio partecipe ai nuovi pastori della nostra comunità e un invito a noi, popolo di Dio, a essere consapevoli della loro fatica in atteggiamento di collaborazione. Richiamandosi alla fatica dell'aratura, don Gianfranco ha implicitamente ricordato il suo impegno educativo e pastorale nella nostra comunità,  lasciando a noi, popolo del Signore, il compito di coglierne i frutti.
Al termine dell' applauso, il parroco don Dino Pavan ha espresso al partente, con  il suo personale ringraziamento, un vivissimo saluto e augurio, accompagnato dalla preghiera, per la nuova missione pastorale.
Anche qui, gli applausi sono partiti corali e prolungati.

20111009 GV

 

 

Di seguito si riportano i saluti letti durante le messe.

 Sappiamo che don Gianfranco , non voleva nessuna festa e nessun saluto particolare, quindi non parlero' di lui ma di Dio. Nella vita noi Cristiani abbiamo imparato a cercare e a riconoscere i segni di Dio che, sopratutto nei momenti piu' difficili e dolorosi, ci e' vicino e ci sostiene anche attraverso le persone che incontriamo e frequentiamo. Queste persone sono come degli angeli, o forse lo sono realmente, che arrivano quando meno ce  li aspettiamo ma piu' abbiamo bisogno.   Ci aiutano a rialzarci e, quando siamo riusciti a rimetterci in piedi e a riprendere il cammino, se ne vanno perche' qualcun altro ha bisogno di loro. La nostra parrocchia, in particolare i nostri giovani, hanno subito una grave perdita per la morte di Don Raffaello.Lo sconforto e la paurta rischiavano di farci allontanare e disperdere come i discepoli dopo la morte di Gesu'.   Ma Dio ci e' venuto in soccorso,inviandoci questo giovane sacerdote che, con forza ed entusiasmo, ha saputo riprendere in mano e tener all'ombra del campanile molti ragazzi ed adolescenti che altrimente si sarebbero persi, ridandogli voglia di essere Chiesa.   Per questo ringraziamo il Signore che ci ha dimostrato ancora una volta di essere Padre vicino ai suoi figli.   E ringraziamo don Gianfranco di essere stato strumento nelle mani di Dio per la realizzazione del suo disegno d'amore.

20110911 Sandra Venuti

 

 


Vogliamo ringraziare a nome di tutta la comunità don Gianfranco per averci trasmesso il valore della condivisione e la gioia dello stare insieme, per trasmettere anche ai più piccoli ciò che lui ci ha insegnato.   Gli auguriamo che questa nuova strada che il Signore gli apre sia occasione di crescita spirituale e gli dia la forza di portare avanti la sua missione pastorale.

20110911 Andrea Del Bel Belluz

 

 

 

20110911_DonGianfa06RSZDedicata a Don Gianfranco.   Come in una famiglia dove tutti i componenti si rispettano  e si vogliono davvero bene, anche dimostrandolo nella vita quotidiana, così la nostra comunità parrocchiale  vuole esprimere la vicinanza che sente nei tuoi confronti, Don Gianfranco, che presto ci dovrai lasciare per assumere un nuovo importante incarico altrove.    Caro Don Gianfranco, a nome di tutta la comunità parrocchiale di Azzano Decimo desidero manifestare la profonda gratitudine nei tuoi confronti  sottolineando  che   tanti sono i granelli di bene  che hai seminato in questi anni trascorsi con noi, soprattutto verso i nostri giovani.    Non voglio fare retorica, parlo con il cuore in mano.    Mi rivolgo a te  ora come   papà di due ragazze che alcuni anni fa hanno cominciato afrequentare  l’ ambiente parrocchiale in diversi contesti (catechismo, grest, campi estivi e invernali, scout,..) e che,  respirando un clima di grande serenità, si sono potute esprimere al meglio.     Come è stato per le mie figlie, così lo è stato anche per tanti altri ragazzi e ragazze che ti hanno avuto come guida: sei stato un grande Maestro di vita   e  hai insegnato loro  nella concretezza del  quotidiano il profondo  messaggio di amore che  Gesù ha portato a noi.    Gli hai dato  l’ opportunità di vivere appieno la loro età, in semplicità e condivisione; ne hai individuato e valorizzato i talenti suggerendo loro   la strada della consapevolezza personale che porta al bene comune, hai fatto sì  che facessero gruppo e fossero tra loro comprensivi e solidali, cosa non certo facile di questi tempi.    Tutto ciò senza pesanti discorsi, senza paternali, ma all’ insegna del senso di realtà, dell’ entusiasmo, della simpatia, della spontaneità e della franchezza che ti caratterizzano.    E soprattutto della fede cristiana che trasmetti.     Tornerai forse qualche volta, magari  in maniera fugace, ma per molti ragazzi e ragazze , ne siamo certi, quello che tu sei stato per loro rimarrà dentro il loro cuore e i loro pensieri  e ne condizionerà positivamente le future scelte di vita.

Grazie ancora, Don Gianfranco, e un “In bocca al lupo” per il tuo nuovo cammino da parte dell’ intera comunità parrocchiale di Azzano Decimo. Con affetto!

20110911 Paolo Magarotto

20111001 GV       foto , cortesia di Ivano Mazzonetto

 

2011 sabato primo ottobre , Don Gianfranco Furlan , dopo un periodo di riflessione e preghiera , inizia il suo nuovo mandato pastorale nella chiesa di San Giorgio della Ricchinvelda. 

 

 

 

20111009 GV