Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione

14-Ricordi

La mostra, ripercorrendo storia locale, con foto, disegni poesie.. stimola i ricordi dei visitatori.  140-ricordi-005_copiaDi qui' il grosso valore aggiunto alla mostra stessa, delle persone preparate  per  accompagnare con spiegazioni i visitatori. Infatti si instaura un colloquio che fa riandare ai momenti che difficilmente  riaffiorerebbero dalla memoria. Per facilitare  una   condivisione dei ricordi si e' pensato di stimolare, anche nel visitatore che ripercorre la sua storia,  nel suo intimo, chiedendogli di esternare queste visioni  fuggenti di vita,  di esperienze, di sensazioni, in via anonima, privata.  Per agevolare questo tentativo si sono raccolti piccoli aneddoti e brevi colloqui sviluppatisi durante la fase di preparazione del materiale, poi organizzato ed esposto.

Il primo ricordo sul campanile, e' stato ricavato dal bollettino parrocchiale. Il secondo ricordo e' l' insieme delle descrizioni sulle loro esperienze di raccolta delle uova, di due anziane signore, ma di buona memoria.   Occorre segnalare che lo scrivente  del testo, nelle le ultime due righe, e' incorso nell'errore di  attribuire erroneamente a Don Gasparotto, la fondazione della Cassa Rurale, mentre la stessa e' stata fondata da Don Domenico Federici nel 1895, parroco ad Azzano fino al 1899.

Il terzo ricordo, raccolto a voce, visto vano il tentativo di farlo tradurre per  iscritto dall'interessato, e' molto coinvolgente e da un senso di leggerezza che ci solleva dalla vita quotidiana.

Infine, al tempo tra le due guerre, ma forse anche agli inizi del 1900, era in uso l'abitudine che in preparazione delle festività' maggiori, Padri Predicatori ( siano essi frati o parroci ) si recavano a predicare nelle altre parrocchie, da qui lo scritto riportato.

Purtroppo per un disguido, gli scritti, che via via sono stati aggiunti al tabellone, sono stati smarriti.

Andando a memoria, si cita il caso di una coppia di fratelli, che chierichetti hanno avuto l'opportunità' di vestire la divisa  di paggetti. Durante la mostra il momento di vita e' riaffiorato, ed il giorno successivo, uno dei " paggetti "  e' ritornato con una sua foto a testimoniare quanto aveva riportato. Si ricorda quanto riportato da una signora, che rammentava  quando la madre raccontava sulla partecipazione  alla raccolta delle uova.


 

 << precedente

 

>> successivo