Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione

03-Rifacimento del pavimento della Chiesa

Sottotitolo : "Abbellimenti alla Chiesa Arcipretale"

Per tentare capire  come si presentava il nostro centro abitato, all'epoca in cui vennero fatti i lavori, più avanti indicati, la foto della Piazza  indica  una situazione che forse ci può lasciar sbalorditi,  pensando che sono passati solo 110 anni,  ma si suggerisce ai più giovani di ricorrere ai racconti di qualche nonno per arricchirsi sul recente passato.

Dalla Concordia , settimanale Diocesano, stampato dalla fine del 1800, fino quasi alla fine della Prima Guerra Mondiale, si ricava quest' articolo, qui in originale.

Azzano X. 

-- Solenne omaggio al Redentore. La popolazione di Azzano, che tanto si è distinta nel passato, nel procurare il maggior decoro e splendore della sua bellissima Chiesa, provvedendola di ricchi e  sfarzosi arredi

030-pavimento-005_copia( nota si riferisce quasi certamente al velo a decoro dell'altare maggiore ), non vuole restare seconda nell'omaggio al Redentore al chiudersi del secolo  XIX e all'aprirsi del XX. --

In una delle passate domeniche raccolti in plenaria assemblea oltre 300 Capi famiglia, accogliendo la proposta presentata dall'Arciprete, deliberarono ad unanimità,di ricostruire ad onore di Gesù Cristo entro questo ed il venturo anno, il pavimento di tutta la Chiesa, stantechè il terrazzo attuale trovasi per vetustà tutto logorato e guasto. Seduta stante furono esposti i diversi modi in cui potrebbe venir fatto il lavoro e le diverse qualità di materiali che si potrebbero adottare, con spesa relativa. Fu letta pure una gentilissima lettera ottenuta dall'Ill.mo Ing. Saccardo, in cui con fine criterio esponeva il suo giudizio sulle diverse qualità di marmo e dava degli opportuni consigli, a seconda dei mezzi di cui si potesse disporre, facendo rilevare che, volendo fare un lavoro nobile, decoroso e pregiato, degno della circostanza e dello scopo per cui vien fatto, e che resti a perenne monumento della fede e religiosità di questo popolo, si dovrebbe attenersi al marmo bianco e rosso di Verona; beninteso della qualità superiore che offra tutte le garanzie per compattezza e durata, ed anche per il miglior effetto, cioè il nembo broccato per il rosso,ed il secchiamo per il bianco. A pieni voti, non badando alla rilevante spesa che si incontra, fu accolto il Consiglio dell'Ill.mo Ingegnere.

Il coro verrà pavimentato quest'anno istesso, e la Chiesa, se Dio benedirà i nostri voti, l'anno venturo.  La spesa complessiva ascenderà alle 7 mila lire.

Onore e lode al popolo di Azzano.     

 Qui termina l'articolo.


Dopo quanto sopra si comincia ad operare. Vediamo alcuni schizzi con i calcoli della superficie da pavimentare, sugli schizzi stessi, all'epoca la carta costava e veniva lesinata.

Interessante la lettera scritta ai Fratelli Crescini di S.Ambrogio di Valpolicella (VR), in cui si prospettano le varie soluzioni per ottimizzare l'uso del miglior marmo : dove più' i fedeli insistono nel loro passaggio, viceversa dove , come nella zona occupata dai banchi si opta per un materiale di qualità' inferiore.

Per festeggiare la fine dei lavori e per ricordare gli stessi, si e' pure colto l'occasione di stampare una cartolina ricordo , tratta dal  volume. Da annotare la  lettera  , in cui si concede l'uso dell'Altare Maggiore per celebrare le funzioni funebri, ma solo per 7 anni.



 << precedente

>> successivo