Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione

Dal Gazzettino di PN 23 mar 2011

 

Azzano, tre chiese nel mirino dei ladri                                              

Mirella Piccin

Mercoledì 23 Marzo 2011,

Le chiese del territorio in questo ultimo periodo sono prese di mira dai ladri, che per lo più svuotano le cassette delle offerte, ma non disdegnano piante e fiori che si trovano sopra gli altari. E neppure gli oggetti sacri, spesso anche di pregio.

L'ultimo tentato furto è avvenuto alcuni giorni fa nella chiesa del capoluogo. Un luogo sacro che per la seconda volta nel giro di breve tempo entra nelle attenzioni dei malintenzionati. La prima volta risale infatti al 25 febbraio, quando i ladri dopo aver scassinato la porta d'entrata, sono entrati in canonica, ma poi disturbati da qualcosa sono fuggiti. Il secondo tentativo di furto è accaduto invece il giorno di martedì grasso, quando i malintenzionati dopo essersi nascosti in chiesa, hanno tentato di entrare in sacrestia forzando la porta. Ma anche questa volta non hanno avuto "fortuna". L'arrivo dei coristi per la seduta di prove, li ha infatti messi in fuga. In questo caso i ladri non sono riusciti a prendere alcunchè, ma hanno danneggiato seriamente la porta. Forse gli stessi ladri, si pensa siano più di uno, hanno tentato di entrare anche nella chiesa della frazione di Fagnigola. Anche qui, racconta padre Gabriele Meazza «hanno forzato la porta della sacrestia, ma invano. Grazie ai catenacci che abbiamo fatto montare dopo i vari furti subiti, i ladri non riuscendo a romperli hanno desistito»

Ma non è finita. Un altro tentato furto si è registrato anche nella chiesa di Basedo dove i ladri hanno cercato di asportare due candelabri: un furto sventato grazie all'allarme dato da un fedele in preghiera. A fronte di questo aumento della microcriminalità ai danni dei luoghi sacri, alcuni parroci pensano di ricorrere alle telecamere, ma sottolineano: «in alcune chiese anche questo sistema è servito a poco».

Solitamente, spiega Padre Gabriele «le attenzioni dei ladruncoli si concentrano sulle scatole delle offerte. I furti avvengono nel weekend, ma anche in altri giorni. Per evitare che i ladri rompano la cassetta delle offerte portando via i pochi spiccioli contenuti all'interno, la svuotiamo giornalmente e la apriamo, cosicchè il ladro trovandola aperta e vuota se ne va».