Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione

Congregazione Suore Rosarie

... Dal sito  www.rosarie.it    ...

Il 5 agosto 1925 viene dunque eretta la Congregazione delle Suore della B. V. Maria Regina del SS.mo Rosario. Il 15 dello stesso mese emettono i voti le prime 39 suore Rosarie e Maria Dolores Bergagna è la prima Madre Generale eletta. Da allora la Congregazione inizia a estendersi anche fuori del Friuli. Nel 1950 la Congregazione diventa di diritto Pontificio. Nel 1966, secondo le direttive del Concilio Vaticano II, si uniscono alle Figlie del SS. Sacramento, dal 1919 presenti a Villa Santina e di diritto Diocesano.

Nel luglio del 1976, il Capitolo Generale della Congregazione, guidato dalla Madre Generale Sr. Luigia Menegozzo, accoglie l'istanza presentata da Sr. Ilaria Andriolo di iniziare una presenza delle Suore Rosarie in terra di missione. La prima destinazione è la Bolivia. È l'inizio di un cammino ardentemente desiderato. Dal 2001 le Rosarie, con il loro carisma apostolico di educatrici dell'infanzia e della gioventù, fioriscono anche in Cile, a Copiapò, accanto ai fiori del deserto di Atacama....

Per approfondimenti vedi www.rosarie.it

20110128 GV

 

Mons. Giovanni Battista Gasparotto  opero' per aprire l' Asilo per i tanti bambini della Parrocchia , ma la morte lo ha raggiunse prima di poter portare a compimento l'opera ( 1931) .  Il  suo successore Mons. Luigi Janes ( siamo nel 1935 ) chiamerà le prime Suore Rosarie  e l'Asilo troverà la sua prima sede nei vecchi, angusti locali, appartenenti alla Parrocchia ed in buona parte lascito di Mons. Gasparotto. Tre furono le prime Suore Rosarie : Suor Tarcisia, la Superiora, Suor Ernesta e Suor Eufemia, ora tutte defunte.

Gli anni passano e un nuovo asilo , voluto da Don Davide Burlon , sostituisce quanto fatto 25 anni prima ( siamo alla fine degli anni '50) , e le suore Rorasie continuano la loro silenziosa opera.

Verso la fine degli anni ' 2000 , una radicale trasformazione aggiorna la struttura iniziale dell'asilo .Con tale occasione viene deciso che le suore Rosarie , non debbano piu' avere come casa l'asilo ! La cosa ha dato , allo scrivente , una sensazione di fastidio e di stizza per quanto deciso . Recentemente ( siamo in gennaio 2011 ) mi sono trovato a parlare con suor Paolina e suor Donatella . L'occasione e' stata proprizia , perché , ritornando su quanto appena detto , mi sono trovato a discutere e contemporaneamente vedevo queste due suore dall'aspetto minuto , quai fragile ( ma solo fisicamente !  ) con alle spalle DSCN6623-RSZl'edificio dell'asilo ( mi scuso se non uso il termine Scuola Materna , in quanto avendo frequentato l'asilo durante le fine della seconda guerra , mi rimane marchiato quasi indelebilmente il nome " ASILO" ) , splendidamente illuminato da un sole potente , che faceva risaltare l'opera nella sua possanza . Il rapporto tra la prestanza dell'edificio e le due suore , dal fisico minuto , mi ha fatto capire l'enorme disparita' nel  rapporto di forza . Per cui mi sono ricreduto sulla scelta di non alloggiare piu le nostre suore Rosarie , nella nuova e splendente Scuola Materna , pardon asilo . Ritengo l'attuale situazione delle suore in Canonica , una cosa ottimale , sotto molti punti di vista .

Suor Paolina e suor Donatella , continuano ad espletare delle funzioni di assistenza in Scuola Mataerna , in tre periodi della giornata ( mattino : ricezione dei bambini , a mezzo giorno : assitenza alla refezione e il pomeriggio alla dipartita dei bambini ) . Per completare le attivita' "lavorative" occorre aggiungere che le stesse suore si occupano dei paramenti sacri e  della biancheria della chiesa  . In cambio di tutto cio' alle suore vien garantito vitto ed alloggio nella Canonica e' la corresponsione di una piccola compensa mensile  .

20110307 GV

Da settembre 2011, le Suore dianzi indicate, hanno lascitato la ns parrocchia, chiudendo una presenza durata 77 anni! Per ricordare tutto quello che le Suore Rosarie, hanno fatto per la ns comunita' parrocchiale, e' stata organizzata una giornata a loro dedicata, il 22 gennaio 2012.

La cronaca in video.

20120205 GV